Questo sito utilizza i cookies per offrirti la migliore esperienza di navigazione sul sito. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetto i cookies No

Cerca nel sito

Invia ad un amico
Livello del fiume Bacchiglione
e previsioni meteo di Vicenza

Otello o della gelosia

10 maggio alle 21 al Teatro Spazio Bixio di Vicenza

Otello o della gelosia

È il tema della gelosia al centro dello spettacolo “Otello o della gelosia” dei Cantieri d’Ottobre, che andrà in scena venerdì 10 maggio alle 21 al Teatro Spazio Bixio di Vicenza (via Mameli, 4). Un riadattamento, firmato dalla regia di Marco Caldiron, che prende vita dal capolavoro di William Shakespeare e dai motori emotivi che muovono i personaggi.

Con suggestioni provenienti dagli “Esercizi di stile” di Raymond Queneau, dalla poetica di Pier Paolo Pasolini e da Domenico Modugno, i Cantieri d’Ottobre si sono divertiti a declinare una parte del testo shakespeariano scoprendone aspetti diversi e sorprendenti a seconda delle variazioni di stile utilizzate. Nato nel 2010, il lavoro si è evoluto nel corso degli anni, assumendo una forma definitiva che, oltre a sperimentare nuove variazioni, si è arricchita con una serie di interviste raccolte in tutta Italia sul tema della gelosia: il teatro che si unisce dunque anche alla vita  e alle testimonianze di persone che si sono rese disponibili a condividere le loro esperienze. Le elaborazioni drammaturgiche nate dalle interviste sono state organizzate in brevi monologhi tra il comico, il folle e il drammatico. Il risultato è un’approfondita analisi della natura umana, un viaggio attraverso il tema, sempre attuale, della gelosia, una profonda modificazione dei corpi e degli animi che modifica il respiro, la percezione e le azioni degli uomini.

I biglietti (prezzo unico: 5 euro) sono acquistabili la sera stessa dello spettacolo al botteghino dello Spazio Bixio. È consigliata la prenotazione. Per info e prenotazioni: 345/7342025.

Cantieri d’ottobre è prima di tutto un progetto teatrale che prende vita da un’esperienza laboratorista nata nell’ottobre 2007 con l’avvio del corso di teatro “l’Azione Consapevole” condotto da Marco Caldiron. Il gruppo, che ha seguito i due anni di laboratorio, ha poi deciso di continuare l’esperienza dando vita ad un nuovo progetto formativo che ha avuto come primo obiettivo la messinscena di uno spettacolo sull’Otello di Shakespeare e sulle testimonianze raccolte in tutta Italia sul tema della gelosia.
Il prossimo progetto che il gruppo sta affrontando è incentrato sulle sfortunate vicissitudini di un personaggio biblico idrorepellente.


Altri articoli