Questo sito utilizza i cookies per offrirti la migliore esperienza di navigazione sul sito. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetto i cookies No

Cerca nel sito

Invia ad un amico
Livello del fiume Bacchiglione
e previsioni meteo di Vicenza

Bolzano Vicentino

bolzano vicentino BOLZANO VICENTINO
www.comune.bolzanovicentino.vi.it

Municipio Via Roma, 2
Tel. 0444-219411
Frazioni Lisiera
Località Ospedaletto
Crosara

Superfice Kmq 19,96
Altezza s.m. 44
Abitanti (2001) 5.200 c.a.
Distanza da Vicenza 10
Prefisso telefonico 0444
C.A.P. 36050
Patrono S. Maria (2 febbraio)
Bolzano Vicentino


storia

Il suo nome è di chiara origine romana. Per alcuni studiosi deriverebbe da un probabile "fundus Bautius", cioè possidemnto di "Bautius", ma c'e' anche chi ipotizza la derivazione dal termine latino "pons amnis", ossia "ponte sul fiume" (cioe' sul Tesina), interpretazione che pero' riscuote minor credito.
Il nome della Frazione di Lisiera deriverebbe da "Luceria", luogo boscoso. Il nome di Ospedaletto invece dall'esistenza di una stazione di sosta dei viaggiatori.
La sua importanza risale all'epoca in cui il Console romano Postumio (176 a.C.) fece costruire la famosa strada che da lui prese il nome di "Postumia": il territorio di Bolzano Vicentino ne fu attraversato in tutta la sua larghezza.
La terra si rivelò fertile e adatta a raccolti abbondanti, per cui Bolzano assunse al rango di "vicus" principale della zona.
Alla fine del periodo romano, l'organizzazione ecclesiastica si sostituì a quella civile, ed in questo contesto ebbe origine la "pieve" di Bolzano, alla quale erano legate alcune "cappellae" dei dintorni.
Nel corso del XII secolo Bolzano si diede un'organizzazione comunale, dopo aver conosciuto la doiminazione dei longobardi e dei franchi. Nel 1209 il paese fu devastato da Ezzelino II "Il Monaco", quindi nel 1220 dal di lui parente Ezzelino "il Tiranno".
E' da ricordare che nel trecento si era insediata in zona la cospicua famiglia dei Proti, proprietaria di immense proprietà terriere, tramandatesi nel corso dei secoli fino ai nostri giorni alle IPAB di Vicenza ("Ospedale dei Proti").
Bolzano seguì quindi dal 1404 le vicende del Vicentino legato alla Repubblica di Venezia fino al 1797, quindi la dominazione napoleonica, asburgica e l'annessione all'Italia (1866).


arte

Chiesa di Santa Maria: ricostruita in forme neo-romaniche nel 1924-1926 è decorata da un ciclo di affreschi di Ubaldo Oppi del 1934-1935. Notevoli una tela della scuola del Maganza ed una statua lapidea "Madonna con Bambino" del secolo XVI.
Chiesa dei SS. Fermo e Rustico: antichissimo edificio, isolato nella vasta campagna della Crosara, che risale all'anno 1000; restaurata nel 1679 e, in epoca recente, nel 1976. All'interno pala di Bartolomeo Cittadella del 1678.
Chiesa di Santa Lucia di Lisiera: già presente nel primo medioevo, radicalmente ricostruita nel 1859, restaurata ed ampliata (1975-76) da Mons. Alfonso Scremin, fondatore di "Radio Oreb". All'intero pala di Alessandro Maganza.
Villa Valmarana-Zen di Lisiera: opera di Andrea Palladio ideata attorno al 1563 per Giovanni Francesco Valmarana. Pesantemente danneggiata da bombardamento aereo nell'ultimo conflitto, è tra le ville palladiane protette dall'UNESCO.
Villa Cappellari-Dal Maso ad Ospedaletto: edificio cinquecentesco rimaneggiata nel XVIII secolo: all'ingresso bella statua di Madonna col bambino, scultura popolare del 1696.
Villa Chiericati-Boschetti: eretta attorno al 1655-1670, con cappella gentilizia del 1656; i porticati sono aggiunte del XVIII secolo.
Villa Muttoni-Zilio: caratteristico edificio dalla struttura gotica rimaneggiato nel Settecento.
Villa Cogollo-Marchiori detta "Ca' d'Oro": Attribuita ad Ottavio Bertotti Scamozzi, pare risalga all'anno 1781. L'altare della cappella è invece datato 1690.
Altri edifici di pregio: Villa Soldà detta "El Palazzon" (via Fontanoni), Villa Scola (Via Ca' Matte).


economia

L'agricoltura è impostata soprattutto sull'allevamento bovino essendo disponibili notevoli estensioni di prati irrigui. La maggiore risorsa dell'economia locale è dovuta però ad una sviluppata struttura produttiva artigianale nel campo meccanico, molitorio, delle confezioni, del legno e dell'edilizia. Bolzano Vicentino può contare anche su alcuni stabilimenti industriali tessili e metallurgici. Il movimento pendolare, più numeroso nel settore industriale, è tendenzialmente diretto verso Vicenza.


indirizzi utili

Chiesa parrocchiale Santa Maria
Piazza Roma, 9 - Tel. 0444/350036
Parrocchia S. Lucia
Lisiera - Piazza Mons. A. Scremin tel. 357128

Poste e telegrafi
Via Roma - Tel. 0444/350045
Via Albereria - Località Lisiera - Tel. 0444/356090

Istituto Comprensivo Statale "G. Zanella"
Via Roma 4, 0444/350021-350085
"M. Grappa": Via C. Battisti - Tel. 0444/356085
"Giovanni XXIII": Via Albereria - Lisiera - Tel. 0444/356086

Scuole Materne
Piazza Roma - Tel. 0444/350177

Posto telefonico pubblico
Trattoria Stella d'Oro: Via Roma, 44 - Tel. 0444/350030 - Orario: 7-21

Farmacia del Capoluogo
Via Brenta - tel. 351173
Farmacia di Lisiera: Via Ponte - tel. 356024

Carabinieri
Sandrigo - tel. 659006

Ospedale
Sandrigo - tel. 659300

Acquedotto
Tel. 0444/394911

Enel
Tel. 0444/500222

Gas
Tel. 0444/394911

Guardia Medica
Tel. 0444/993111

STRUTTURE RICETTIVA
Albergo-Locanda "Grego": Via Roma, 24 - tel. 350588 - tre stelle - 25 posti letto - ristorante 150 coperti

Pizzeria
Al Vecchio Olmo - Capoluogo

Trattorie
Da Nicola - Lisiera / Al Baracchino - Lisiera


avvenimenti

Sagra di Lisiera terza domenica di giugno
Sagra dei SS. Fermo e Rustico in Crosara terza domenica di agosto
Sagra di Ospedaletto ultima domenica di agosto
Sagra della S. Croce (Bolzano) terza domenica di settembre, con Palio delle Contrade
Marcia dei "Cuccioli" 1° maggio
Marcia dei 4 Mulini prima domenica di dicembre