Questo sito utilizza i cookies per offrirti la migliore esperienza di navigazione sul sito. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetto i cookies No

Cerca nel sito

Invia ad un amico
Livello del fiume Bacchiglione
e previsioni meteo di Vicenza

Vicenza: Libriamo 2012

Presso i Chiostri di Santa Corona e altri luoghi del centro storico

Vicenza: Libriamo 2012

LIBRIAMO 2012, la manifestazione dedicata al mondo dei libri e dell’editoria promossa dal Comune di Vicenza (Assessorato alle Attività Culturali) e organizzata dall’Associazione Culturale Zoing!, si presenta quest’anno in grande spolvero e un programma ricchissimo.

Cinque giornate dedicate ai libri e alla cultura, con ospiti di grande rilievo, ed eventi esclusivi, che saranno arricchite da scorribande gastronomiche, incursioni musicali, mostre, laboratori artistici, itinerari guidati alla scoperta di una Vicenza per molti versi sconosciuta.

Al centro di LIBRIAMO 2012 ci sono due ricchezze culturali esclusivamente vicentine, che su piani diversi connotano l’identità di questa città: Neri Pozza, l’artista, scrittore ed editore vicentino di cui ricorre quest’anno il centenario della nascita e... il Bacalà, che a Vicenza si celebra con una delle sue ricette più sorprendenti e prelibate.
Ma, intorno a questi due fulcri, LIBRIAMO 2012 delinea nuove convergenze e contaminazioni, tra saggistica, letteratura, narrativa di consumo, memorialistica, gastronomia, computer e bon ton.

Cinque i flussi principali del festival:

• Spazio Neri Pozza. Convegni, presentazioni, tavole rotonde, per parlare delle sue opere, della casa editrice da lui fondata e dei suoi best-seller, del passato e del futuro.
• La libreria del caos. Scrittori che si interrogano sulla grande destrutturazione, la grande crisi che in questo scorcio di tempo si accompagna alla globalizzazione.
• Piccola editoria di qualità. Autori importanti presenteranno piccole case editrici di grande qualità.
• Tra trasgressione e bon ton. Uno dei grandi giochi della letteratura e della cultura: offrire uno sguardo sulla trasgressione dal punto di vista di un confortevole salotto.
• Letteratura: consumata, inesauribile. Un filone di “letteratura popolare”; alcune importanti scrittrici che si pongono esattamente sul confine, peraltro evanescente, tra letteratura e consumo.
• La gastrolibreria. Autori che presenteranno i loro lavori tra erudizione e gastronomia, ricette, storia e plaisir de vivre.



Altri articoli