Questo sito utilizza i cookies per offrirti la migliore esperienza di navigazione sul sito. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetto i cookies No

Cerca nel sito

Invia ad un amico
Livello del fiume Bacchiglione
e previsioni meteo di Vicenza

Una rotatoria per Montecchio Precalcino e Sarcedo

Comunicato stampa

Firmato questa mattina nella sede del Municipio a Montecchio Precalcino il protocollo d’Intesa tra il Comune ospitante, la Provincia di Vicenza e il Comune di Sarcedo per la sistemazione dell’incrocio in località Morato tra la S.P. 63 “Preara” e la S.P. 98 “Cà Orecchiona”. Verrà realizzata una rotatoria in modo da rendere più fluido il traffico e garantire una maggiore sicurezza al transito dei veicoli. Presenti all’incontro l’Assessore Provinciale alla Viabilità Costantino Toniolo e i Sindaci Imerio Borriero e Giorgio Meneghello.


“ L’iniziativa rientra nell’ambito delle collaborazioni con i Comuni – spiega Toniolo- per la compartecipazione della Provincia ad opere di particolare interesse locale. La sicurezza del transito è il primo obiettivo che si prende in considerazione, tenendo conto dell’esigenza di sviluppo equilibrato della rete provinciale. Nel caso di Montecchio Precalcino la rotatoria sistemerà un incrocio critico nella zona di collegamento con Sarcedo, consentendo anche di evitare le code di auto ferme e contribuendo così a fare un passo in più verso la sostenibilità ambientale.”


Secondo il protocollo, la Provincia parteciperà con 50 mila euro e metterà a disposizione i propri uffici tecnici per eventuali consulenze sulle scelte progettuali. Il Comune di Montecchio Precalcino si impegna a occuparsi della progettazione, dell’appalto dei lavori e della realizzazione dell’opera . A carico dell’amministrazione comunale anche la manutenzione successiva dell’opera. In tutto l'opera costerà 300 mila euro. Per il marzo prossimo è prevista la gara di appalto. Termine dei lavori previsto per l'estate.


Soddisfatti della collaborazione con la Provincia i Sindaci intervenuti, che hanno sottolineato come la sinergia fra gli enti e la condivisione delle risorse in senso ampio sia uno strumento che negli anni futuri diventerà indispensabile per dare sostegno a servizi e infrastrutture, visto che la contrazione delle risorse limiterà le realtà locali.


Altri articoli