Cerca nel sito

Invia ad un amico
Livello del fiume Bacchiglione
e previsioni meteo di Vicenza

Focus On: Il nuovo servizio navetta per l'aeroporto Canova di Treviso

Importanti novità

Focus On: Il nuovo servizio navetta per l'aeroport

Ha preso il via nel mese di aprile il servizio di collegamento tra la stazione ferroviaria di Treviso e l'aeroporto Canova della città della Marca. Si tratta di Airbus, che propone una cadenza semioraria, e quindi una corsa ogni 30 minuti, con gli orari che sono stati stabiliti sulla base delle partenze e degli arrivi dei voli. Da venerdì 5 aprile tutti i viaggiatori hanno l'opportunità di usufruire di questo servizio, e in occasione delle festività pasquali con il lungo ponte del 25 aprile e del 1° maggio si può dire che il primo test sia stato superato senza intoppi.

Come funziona il servizio

Grazie a questo servizio, non si è più obbligati a usare l'auto per arrivare al terminal e quindi non c'è più il problema di trovare parcheggi aeroporto Treviso. La prima corsa è in programma alle 6 e 23 del mattino, e la fermata si trova proprio davanti alla stazione dei treni: in appena 15 minuti, imprevisti permettendo, si raggiunge lo scalo di Treviso Santangelo, che è il secondo della regione per numero di passeggeri. Nel 2018, infatti, qui sono transitati circa 3 milioni e 300mila passeggeri. Lo sviluppo e la messa a punto del collegamento diretto sono stati resi possibili da Mobilità di Marca Spa, l'azienda del trasporto pubblico della provincia. Tra il centro e l'aeroporto non ci sono fermate intermedie, e l'ultima corsa parte alle 10 e 10 di sera. La clientela turistica, se lo desidera, può contare anche sulle formule Treviso 2 Days Card e Treviso 3 Da ys Card, che sono state sviluppate ad hoc. 

Come si evolve l'aeroporto di Treviso

L'aeroporto treviagiano appena una trentina di anni fa sembrava in procinto di sparire: nel giro di tre decenni è stato protagonista di una rinascita, al punto da essere considerato un esempio positivo per tutto il Veneto in tema di trasporti. Lo shuttle permette alla città, in effetti, di maturare e rafforzare una vera e propria dimensione internazionale: se prima dell'entrata in funzione della navetta erano circa 900 i passeggeri che in media ogni giorno si avvalevano del servizio pubblico per raggiungere l'aeroporto, ora il numero di utenti è destinato a crescere.

Raggiungere l'aeroporto in auto

A dispetto dello shuttle, comunque, centinaia di migliaia di viaggiatori non vorranno rinunciare a usare la propria auto per arrivare in aeroporto: vuoi per comodità, vuoi per la difficoltà di arrivare a Treviso (se si proviene da fuori) con i mezzi pubblici in tempi contenuti, vuoi semplicemente per la flessibilità di cui si può usufruire anche dal punto di vista degli orari, soprattutto con voli che partono presto o che arrivano tardi. Resta fondamentale, insomma, poter contare su un parcheggio aeroporto Treviso che costi poco. Se poi offre anche dei servizi extra, tanto meglio. Ecco perché vale la pena di scoprire il servizio di Parkos.

Parkos: che cos'è e come funziona

Parkos è un comparatore di fornitori di parcheggio che offre l'opportunità di individuare il miglior prezzo tra i parcheggi aeroporto e prenotarlo in pochi clic. Le recensioni che vengono fornite dai clienti sono un importante punto di riferimento per gli utenti, che così possono basarsi sulle opinioni e sui commenti altrui per capire quali sono i parking migliori e quali, invece, meritano di non essere considerati. Il sistema di confronto dei parcheggi consente di valutare in qualsiasi momento e senza alcuna fatica tutti i dettagli che possono essere decisivi per la scelta: non solo i giudizi degli altri viaggiatori, quindi, ma anche la distanza tra il parcheggio e l'aeroporto, i vari servizi garantiti e, ovviamente, le tariffe.

Come scegliere il parcheggio

Nella prenotazione del posto auto, quindi, si può decidere se richiedere il servizio bus navetta gratuito o se approfittare della praticità del car valet. In quest'ultimo caso non bisogna far altro che arrivare direttamente al terminal in macchina, per poi consegnare il proprio veicolo a un operatore che si occuperà di portarla al parcheggio. Ovviamente, in occasione del ritorno l'auto viene ricondotta al terminal: basta avvisare in anticipo una volta atterrati, così da non perdere neppure un minuto. 


Altri articoli