Cerca nel sito

Invia ad un amico
Livello del fiume Bacchiglione
e previsioni meteo di Vicenza

Focus On: Informazioni essenziali per scegliere la migliore asciugatrice

Funzioni e modelli

Focus On: Informazioni essenziali per scegliere la

Quali sono le caratteristiche da dover valutare per acquistare la migliore asciugatrice in base alle proprie esigenze? Di seguito cercheremo di scoprirlo analizzando gli aspetti tecnici più importanti per questi elettrodomestici sempre più diffusi nelle case degli italiani.

 

Le principali tecnologie

Il fattore determinante per la scelta di un'asciugatrice è la tecnologia impiegata per riscaldare l'aria prelevata dall'esterno, immissione del flusso caldo nel cestello e ventilazione per eliminare l'umidità dal bucato. In commercio si possono trovare due diversi sistemi e precisamente:

  • Asciugatrici ventilate: sono i modelli con la tecnologia più datata e hanno un funzionamento alquanto semplice. L'aria viene prima riscaldata tramite una resistenza elettrica e poi immessa nel cestello. Si tratta di apparecchi economici ma con consumi tra i più alti della categoria, il che vanifica in breve tempo il risparmio iniziale. Difficilmente viene specificato che l'asciugatrice presenta un sistema con resistenza: due indizi sono il minor prezzo di vendita e la bassa classe energetica, tuttavia è buona norma informarsi bene prima dell'acquisto.
  • Asciugatrici a pompa di calore: sono elettrodomestici molto più moderni e prestazionali, dai costi maggiori ma con consumi decisamente ridotti e appartenenza ad una classe di efficienza energetica A+ o superiore. In questo caso l'aria calda è generata da una pompa di calore che rappresenta un sistema complesso ma efficiente e dal miglior rendimento.

 

I diversi metodi di scarico dell'acqua

Dal punto di vista del funzionamento c'è un ulteriore aspetto da non dimenticare, ovvero la dissipazione del vapore generato durante la fase di estrazione dell'umidità. La migliore asciugatrice è dotata di sistema a condensazione che prevede, appunto, un condensatore in cui finisce il vapore trasformato in acqua e raccolto poi in una vaschetta o serbatoio. Una soluzione costosa ma con il vantaggio di poter installare l'elettrodomestico dove si desidera senza la necessità di uno scarico per l'acqua.

Il sistema più economico è invece detto ad espulsione o evaporazione in cui il vapore prodotto è scaricato direttamente all'esterno. Esistono anche modelli ibridi che effettuano la trasformazione del vapore in acqua e la successiva espulsione attraverso un tubo. È chiaro come si tratti di un metodo semplice ma imponga la presenza di un apposito scarico (è sufficiente un lavandino) oppure di un ambiente molto ventilato in cui la concentrazione di vapore non causi disagi.

 

Consumi

Per valutare questo importante parametro è necessario consultare l'etichetta energetica che, per legge, deve essere allegata ad ogni elettrodomestico. I dati più significativi sono la classe di efficienza energetica indicata con una lettera dalla D alla A+++ e il relativo consumo annuo espresso in kWh/anno. Come abbiamo già visto, le asciugatrici con pompa di calore sono le più virtuose e hanno classi di efficienza che vanno dalla A+ a salire. Naturalmente i consumi dipendono dalla durata del ciclo, dalla frequenza di utilizzo e dalle fasce orarie in cui viene sfruttata la macchina; tuttavia, scegliere un modello con i consumi annui più bassi, assicura un buon risparmio in bolletta.

 

Rumorosità

Un'asciugatrice non è certamente un elettrodomestico silenzioso, inoltre la rumorosità è molto legata alla sensibilità dell'utilizzatore. Sull'etichetta energetica è presente un valore espresso in decibel (dB) che rappresenta la massima pressione sonora. È bene non scordare che tale dato è misurato in laboratorio e nella realtà potrebbe provocare effetti ben diversi. In linea di massima la migliore asciugatrice ha una rumorosità nominale attorno ai 60 dB, mentre i modelli meno silenziosi possono raggiungere i 70 dB.

 

Funzioni

Decidere di acquistare un'asciugatrice più o meno complessa dipende, essenzialmente, dal tipo di utilizzo previsto e dalle personali necessità. Di base un buon prodotto offre un display LCD, funzione di autospegnimento, partenza ritardata, segnalatore acustico di fine ciclo, regolazione della temperatura e del livello di asciugatura e una serie di programmi standard per affrontare le più comuni tipologie di tessuti. Ci sono poi funzioni extra come, per esempio, la connessione tramite Wi-Fi e la gestione da remoto con dispositivi mobile che però vanno ad incidere sul prezzo finale.

Alla fine per scegliere una buona asciugatrice serve solo avere le corrette informazioni per non trovarsi impreparati, valutare attentamente la tecnologia di funzionamento e saper leggere l'etichetta energetica. I programmi rappresentano un problema minore visto che sono abbastanza standardizzati e completi anche per i modelli più economici.


Altri articoli