Questo sito utilizza i cookies per offrirti la migliore esperienza di navigazione sul sito. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetto i cookies No

Cerca nel sito

Invia ad un amico
Livello del fiume Bacchiglione
e previsioni meteo di Vicenza

Focus On: Quando è il momento ideale per vendere l’oro usato?

Le differenze tra oro puro e oro usato

Focus On: Quando è il momento ideale per vendere l

Aggiorniamo innanzitutto un vecchio proverbio: non è tutto oro quel che luccica, ma non tutto quel che è oro luccica uguale. Ovviamente per luccichio intendiamo il valore. E per quanto vi possa sembrare strano quello che luccica di più è quello che non c'è. Infatti il valore di riferimento per tutti i mercati è quello del titolo oro: quello che viene espresso dai mercati finanziari e - come tutti i titoli quotati - è soggetto a fluttuazioni, ogni secondo cambia. Il mercato più seguito è quello di Chicago, la quotazione è espressa in dollari all'oncia, mentre in Italia siamo abituati a indicarlo in euro al grammo. In questo momento la quotazione di Chicago è attorno ai 1275 dollari all'oncia, equivalenti a 34,4 euro al grammo. Ma in questo periodo le oscillazioni sono molto accentuate: - una settimana fa il valore era 1292 dollari l'oncia. - un mese fa era 1352 - ma sei mesi addietro era ancora a 1272 - 12 mesi prima era a 1358 Queste fluttuazioni sono state abbastanza costanti con questi margini a partire dal 2014, ma a primavera del 2013 erano a 1693 dollari l'oncia (il 30% circa in più). Insomma l'oro si diverte sulle montagne russe.

Una regola base

Essendo l'oro un bene rifugio è normale che nei periodi di difficoltà salga, e nei periodi di benessere scenda, al contrario del "mattone" (limitatamente all'Italia, dove è giudicato un bene rifugio assoluto).

Oro puro ed oro usato

Attenzione il prezzo delle quotazioni si riferisce al titolo 999,9. Quando parliamo dell'oro dei gioielli normalmente pensiamo a oro a 18 carati (percentualmente oro al 90% circa). Dando per buono quello che abbiamo, per calcolare quindi il valore dei nostri gioielli in oro dobbiamo cominciare a togliere un buon 10%. Bisogna poi pensare che gli operatori del settore hanno - giustamente - i loro margini. I cosiddetti compro oro, in questi ultimi anni si sono moltiplicati: parecchi orefici hanno affiancato questa attività a quella originaria, spesso facendola diventare prevalente. Approfittiamo se abbiamo dell'oro usato che vogliamo vendere di questa situazione e sentiamo più di una quotazione di oro usato perché non tutti i gioielli sono realizzati con con oro a 18 carati. E, attenzione, non sempre il peso è indice di oro 'buono': spesso siamo convinti di avere veri gioielli, ma non sempre è così... Per vendere (o acquistare) oro bisogna muoversi con i piedi di piombo.

Quando sale il valore dell’oro?

I grafici delle borse vanno contro le comuni convinzioni, per cui la risposta più corretta è: vendere quando serve. Quando serve serve, non c'è difesa! Il consiglio migliore è invece - se si tratta di gioielli, e quasi sempre è così - vendere quando non ci serve e quando non ci interessano più. Soprattutto per certi tipi di gioielli (orologi, monete, anelli con pietre, pendenti, collane e spille particolarmente lavorate, etc) e non avendo necessità di realizzo immediato potete provare a vendere i vostri gioielli per quello che sono: gioielli con il loro carico di bellezza, vanità, piacere, storia. Se avete un orefice di fiducia e non avete necessità di immediato realizzo riuscirete a ricavare di più. Da ultimo provate a pensare che magari quando tutti (o tanti) vendono, forse è buona politica comprare.


Altri articoli