Questo sito utilizza i cookies per offrirti la migliore esperienza di navigazione sul sito. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetto i cookies No

Cerca nel sito

Invia ad un amico
Livello del fiume Bacchiglione
e previsioni meteo di Vicenza

Annunciate le date della edizione 2010 della "Antica Fiera del Soco"

La Fiera si allungherà di un giorno.

Inizia a prendere forma l’edizione 2010 dell’Antica Fiera del Soco di Grisignano, quest’anno in programma da venerdì 10 a giovedì 16 settembre. Proprio così, un giorno in più. Già nel corso della passata edizione gli organizzatori avevano deciso di prolungarne la durata per andare incontro a pubblico ed operatori, penalizzati dal maltempo che aveva sferzato la Fiera soprattutto nella sua seconda parte. Una scelta apprezzata un po’ da tutti, che ha poi convinto l’A.M.G. a valutare l’ipotesi di aumentare fin da subito la durata dell’evento fieristico. « L’anno scorso – analizza Lorenzo Dainese, presidente dell’A.M.G. – abbiamo giocoforza avuto la possibilità di sperimentare questa novità, ottenendo riscontri positivi da più fronti. Qualcuno ci aveva addirittura detto che una Fiera come quella del Soco potrebbe tranquillamente durare un paio di settimane, ma per ora ci limitiamo a procedere per gradi. Un giorno in più comporta già un aumento dell’impegno da parte di tutti, ma siamo convinti che possa portare benefici in tutte le direzioni: pubblico, operatori, ditte ed associazioni di volontari coinvolti. La decisione è stata presa in accordo con il Comune di Grisignano ». Il programma della Fiera è ancora un “cantiere aperto”, ma Dainese anticipa già qualcosa: « Posso dire che il “Borgo de lo Soco”, il villaggio medioevale, rispetto al 2009 sarà incrementato e che cercheremo di dare maggior risalto alla riscoperta del “Luni del Soco” e alla sua fiera franca del bestiame, un anno fa “limitata” dalla pioggia. L’intenzione è quella di provare a prolungarla fino alle prime ore del pomeriggio in modo da consentire anche ai ragazzi delle scuole di prendervi parte e vivere questa esperienza. Collegata alla fiera franca del bestiame dovrebbe esserci anche una “via dei mestieri”, che parte da quelli di una volta ed arriva fino a quelli contemporanei; una sorta di percorso che leghi passato, presente e futuro della nostra Fiera ». Tra le novità anche un servizio dedicato agli utenti. « E’ nostra intenzione – conclude Dainese – garantire sempre maggior sensibilità nei confronti del pubblico che deciderà di farci visita. Per questo è in via di definizione un servizio bus-navetta per gli utenti che arriveranno dalle zone più lontane, ma non sarà l’unica novità ».

Altri articoli