Questo sito utilizza i cookies per offrirti la migliore esperienza di navigazione sul sito. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetto i cookies No

Cerca nel sito

Invia ad un amico
Livello del fiume Bacchiglione
e previsioni meteo di Vicenza

L’Assessore al Lavoro Martini esprime solidarietà ai lavoratori Olimpias

Comunicato Stampa

Uno spostamento comunicato all’ultimo momento non ha permesso all’Assessore al Lavoro della Provincia di Vicenza Morena Martini di essere presente oggi all’incontro con i lavoratori dell’azienda Olimpias di Grumolo delle Abbadesse e con i rappresentanti sindacali (Rsu Olimpias, Rs Cisl e Uil) in preparazione alla riunione fissata per il giorno 5 maggio al Ministero dello Sviluppo Economico e del Lavoro.

L’Assessore Martini intende comunque esprimere la massima solidarietà ai 130 lavoratori dell’azienda oggi in cassa integrazione guadagni straordinaria.
“Il comparto tessile e manifatturiero –afferma la Martini- ha rappresentato per tanti anni un traino economico e produttivo per il nostro territorio. Noi rappresentanti delle istituzioni non lo dobbiamo e non lo vogliamo dimenticare, e invitiamo a fare altrettanto anche gli imprenditori che oggi guardano all’estero per le loro commesse. E’ una crisi difficile quella che stiamo cercando di superare, ma non possiamo uscirne se non ci crediamo tutti, pubblico e privato. Dobbiamo scommettere sui nostri prodotti, sulla nostra qualità, sulle nostre capacità.”

Tradotto in termini pratici, l’augurio dell’Assessore Martini è che mercoledì al Ministero si parli di riavvio della fabbrica e di ripresa del lavoro per i lavoratori oggi in presidio fisso davanti all’azienda.
“Sarò a fianco della collega Assessore Regionale al Lavoro Elena Donazzan –conclude la Martini- che ha chiesto e ottenuto un incontro anche al Ministero dell’Economia, perché si attivi in maniera forte a difesa del comparto manifatturiero e tessile.

La Provincia farà la sua parte, con l’augurio che questa sinergia possa giovare ad Olimpias, innanzitutto, ma anche a tutte le aziende che vivono un momento di crisi.”

Altri articoli