Questo sito utilizza i cookies per offrirti la migliore esperienza di navigazione sul sito. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Accetto i cookies No

Cerca nel sito

Invia ad un amico
Livello del fiume Bacchiglione
e previsioni meteo di Vicenza

Vinitaly 2010: un'annata di grandi speranze per le produzioni beriche

Soddisfazione e segnali di ottimismo dalle aziende vicentine

Vinitaly 2010: un'annata di grandi speranze per le

Vicenza Qualità, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Vicenza, ha coordinato con successo la partecipazione al 44° Salone internazionale del vino e dei distillati di un gruppo di aziende vitivinicole vicentine. Numerosissimi gli operatori che nei cinque giorni di fiera hanno visitato lo stand allestito dall’Azienda speciale all’interno del padiglione Veneto, dove sotto l’egida “Vicenza gusto diVino” sette cantine del territorio hanno fatto bella mostra di sé mettendo in evidenza la ricchezza e la qualità della produzione enologica berica.

Nell’elegante spazio espositivo, caratterizzato da suggestive immagini dei capolavori palladiani, si sono accesi i riflettori su alcune pregiate zone a denominazione tipica: la D.O.C. Breganze, con Cantina Scaroni Angelo, Vigneto Due Santi, Vignaioli di Contrà Soarda e Villa Angarano Bianchi Michiel; la D.O.C. Vicenza, rappresentata da Tenuta La Bertolà; la D.O.C. Colli Berici, con l’azienda agricola Alessandro Piovene Porto Godi; a completare il quadro, accanto a loro, l'Azienda Agricola Masari. 

L’eccellenza di un territorio dalla grande tradizione ha fatto da comune denominatore ai diversi vini offerti in degustazione, come il Tai Rosso, il Cabernet dei Colli Berici, il Torcolato ed il Vespaiolo di Breganze, lo Chardonnay ed il Riesling Vicenza ed altri ancora.

Incoraggianti i commenti dei produttori, concordi nell’esprimere soddisfazione per l’elevata affluenza registrata – per molti, sensibilmente superiore a quella dell’edizione precedente – e per l’interesse manifestato dagli operatori nazionali ed internazionali. Sebbene sia ancora presto per valutazioni economiche post-fiera, fa ben sperare l’apprezzamento dimostrato dai buyer per l’alta qualità dei vini, frutto di un attenta selezione della materia prima all’origine e degli alti standard osservati nei successivi processi di vinificazione.

Il bilancio a caldo della compagine vicentina riunita da Vicenza Qualità è dunque perfettamente allineato con i numeri a consuntivo del 44° Salone internazionale dei Vini e distillati. I 152.000 visitatori, i 47.000 operatori esteri (+ 4,4% rispetto al 2009) provenienti da oltre 110 Paesi e gli oltre 2.500 giornalisti accreditati ‘parlano’ di una edizione 2010 che sembra allontanare  - si spera definitivamente - gli spettri ed i timori dello scorso anno.

Il Vinitaly, snodo cruciale per lo sviluppo di relazioni commerciali e di nuovi canali di business, rappresenta uno degli appuntamenti principali con cui Vicenza Qualità promuove e valorizza il patrimonio vinicolo “made in Vicenza”. Anche quest’anno, grazie al supporto dell’Azienda speciale camerale, il comparto vicentino ha avuto l’occasione di presentarsi al grande pubblico  di eno-appassionati e di addetti ai lavori, gettando le basi per nuovi spazi di affermazione sui mercati mondiali.


Altri articoli